Scuola di Preghiera Passi scritturistici

Iniziazione alla preghiera (B) 21

 
SEGUENDO SAN PAOLO
___________

Dopo aver meditato i vangeli, ora ci accingiamo a seguire l’insegnamento di san Paolo per meglio capire che cosa sia l’essere cristiani. Le lettere paoline, infatti, si rivolgono a comunità cristiane nelle quali sorgono molti problemi di vita. Nelle sue risposte, l’Apostolo tratta di questi problemi alla luce della Rivelazione cristiana di cui egli è testimone privilegiato. Tutta la Prima Lettera ai Corinzi risponde a varie domande poste della comunità di Corinto.

Bisogna inoltre tener conto del fatto che Paolo è completamente impegnato nel suo apostolato e, quindi, anche nelle lettere che appartengono al suo modo di governare. Tra gli scritti del Nuovo Testamento, le sue lettere sono i soli che fanno conoscere la personalità del loro autore. Non potremmo quindi separare l’insegnamento di san Paolo dalla sua esperienza cristiana (Fil 3,17—4,1).

Le lettere di san Paolo sono molto legate alle circostanze concrete in cui sono state scritte, e alla personalità ricca e appassionata del loro autore, cosa che ne rende la lettura difficile, come già si avvertiva nelle prime comunità (2 Pt 3,14-16).

L’ordine di presentazione delle lettere segue un principio poco scientifico! Esse si susseguono secondo la loro lunghezza! Noi invece seguiremo un ordine più storico:
- un primo gruppo comprende le lettere ai Tessalonicesi;
- un secondo gruppo comprende le grandi lettere: la Prima e la Seconda ai Corinzi, la Lettera ai Galati e quella ai Romani.
- il terzo gruppo comprende le “lettere dalla prigionia”: agli Efesini, ai Filippesi e ai Colossesi.
Tralasceremo le lettere pastorali (Prima e Seconda Lettera a Timoteo, e la Lettera a Tito) perché riguardano direttamente il modo di governare le comunità.

LA VOCAZIONE DI PAOLO
L’evento più caratteristico dell’esperienza di Paolo è la sua vocazione, da lui raccontata varie volte (Gal 1,15-24;

Atti 9,4-16; 22,7-10; 26,14-16).

La parola ”vocazione” è più esatta di “conversione”, perché dal punto di vista di Paolo la vita in Cristo è il compimento della sua fede giudaica. Egli sente la chiamata di Cristo come vocazione profetica a una missione. Invece, per le comunità cristiane, Paolo il persecutore si è convertito ed è diventato uno degli apostoli.

Paolo comprende la sua vocazione sul modello di quelle del Servo di Jahvé descritta in Is 49,1-6:
- la volontà di Dio su ciascuno di noi è eterna e definisce la nostra vocazione nella Chiesa;
- per Paolo, la missione è universale. Sarà questa la caratteristica del suo insegnamento e della sua vita apostolica: proclamare il messaggio di Cristo a tutti;
- questa vocazione suppone una rivelazione personale del Cristo (Atti 26,14-16, v. 16).

Egli sperimenta la potenza di Cristo glorioso e prende coscienza del legame del tutto speciale che unisce Cristo alla Chiesa: in un certo senso i cristiani sono Gesù. Questo pensiero verrà sviluppato nella dottrina della Chiesa quale corpo mistico di Cristo.

* La rivelazione del Cristo è una rivelazione interiore: ”In me” è meglio di ”a me”.

Scuola di Preghiera

Fil 3,17—4,1
7Ma quello che poteva essere per me un guadagno, l'ho considerato una perdita a motivo di Cristo. 8Anzi, tutto ormai io reputo una perdita di fronte alla sublimità della conoscenza di Cristo Gesù, mio Signore, per il quale ho lasciato perdere tutte queste cose e le considero come spazzatura, al fine di guadagnare Cristo 9e di essere trovato in lui, non con una mia giustizia derivante dalla legge, ma con quella che deriva dalla fede in Cristo, cioè con la giustizia che deriva da Dio, basata sulla fede. 10E questo perché io possa conoscere lui, la potenza della sua risurrezione, la partecipazione alle sue sofferenze, diventandogli conforme nella morte, 11con la speranza di giungere alla risurrezione dai morti. 12Non però che io abbia gia conquistato il premio o sia ormai arrivato alla perfezione; solo mi sforzo di correre per conquistarlo, perché anch'io sono stato conquistato da Gesù Cristo. 13Fratelli, io non ritengo ancora di esservi giunto, questo soltanto so: dimentico del passato e proteso verso il futuro, 14corro verso la mèta per arrivare al premio che Dio ci chiama a ricevere lassù, in Cristo Gesù. 
15Quanti dunque siamo perfetti, dobbiamo avere questi sentimenti; se in qualche cosa pensate diversamente, Dio vi illuminerà anche su questo. 16Intanto, dal punto a cui siamo arrivati continuiamo ad avanzare sulla stessa linea. 
17Fatevi miei imitatori, fratelli, e guardate a quelli che si comportano secondo l'esempio che avete in noi. 18Perché molti, ve l'ho gia detto più volte e ora con le lacrime agli occhi ve lo ripeto, si comportano da nemici della croce di Cristo: 19la perdizione però sarà la loro fine, perché essi, che hanno come dio il loro ventre, si vantano di ciò di cui dovrebbero vergognarsi, tutti intenti alle cose della terra. 20La nostra patria invece è nei cieli e di là aspettiamo come salvatore il Signore Gesù Cristo, 21il quale trasfigurerà il nostro misero corpo per conformarlo al suo corpo glorioso, in virtù del potere che ha di sottomettere a sé tutte le cose.
1Perciò, fratelli miei carissimi e tanto desiderati, mia gioia e mia corona, rimanete saldi nel Signore così come avete imparato, carissimi!

2 Pt 3,14-16
14Perciò, carissimi, nell'attesa di questi eventi, cercate d'essere senza macchia e irreprensibili davanti a Dio, in pace. 15La magnanimità del Signore nostro giudicatela come salvezza, come anche il nostro carissimo fratello Paolo vi ha scritto, secondo la sapienza che gli è stata data; 16così egli fa in tutte le lettere, in cui tratta di queste cose. In esse ci sono alcune cose difficili da comprendere e gli ignoranti e gli instabili le travisano, al pari delle altre Scritture, per loro propria rovina.

Gal 1,15-24
15Ma quando colui che mi scelse fin dal seno di mia madre e mi chiamò con la sua grazia si compiacque 16di rivelare a me suo Figlio perché lo annunziassi in mezzo ai pagani, subito, senza consultare nessun uomo, 17senza andare a Gerusalemme da coloro che erano apostoli prima di me, mi recai in Arabia e poi ritornai a Damasco. 
18In seguito, dopo tre anni andai a Gerusalemme per consultare Cefa, e rimasi presso di lui quindici giorni; 19degli apostoli non vidi nessun altro, se non Giacomo, il fratello del Signore. 20In ciò che vi scrivo, io attesto davanti a Dio che non mentisco. 21Quindi andai nelle regioni della Siria e della Cilicia. 22Ma ero sconosciuto personalmente alle Chiese della Giudea che sono in Cristo; 23soltanto avevano sentito dire: «Colui che una volta ci perseguitava, va ora annunziando la fede che un tempo voleva distruggere». 24E glorificavano Dio a causa mia.

Atti 9,4-16; 22,7-10; 26,14-16
4[…] e cadendo a terra udì una voce che gli diceva: «Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?». 5Rispose: «Chi sei, o Signore?». E la voce: «Io sono Gesù, che tu perseguiti! 6Orsù, alzati ed entra nella città e ti sarà detto ciò che devi fare». 7Gli uomini che facevano il cammino con lui si erano fermati ammutoliti, sentendo la voce ma non vedendo nessuno. 8Saulo si alzò da terra ma, aperti gli occhi, non vedeva nulla. Così, guidandolo per mano, lo condussero a Damasco, 9dove rimase tre giorni senza vedere e senza prendere né cibo né bevanda. 
10Ora c'era a Damasco un discepolo di nome Anania e il Signore in una visione gli disse: «Anania!». Rispose: «Eccomi, Signore!». 11E il Signore a lui: «Su, và sulla strada chiamata Diritta, e cerca nella casa di Giuda un tale che ha nome Saulo, di Tarso; ecco sta pregando, 12e ha visto in visione un uomo, di nome Anania, venire e imporgli le mani perché ricuperi la vista». 13Rispose Anania: «Signore, riguardo a quest'uomo ho udito da molti tutto il male che ha fatto ai tuoi fedeli in Gerusalemme. 14Inoltre ha l'autorizzazione dai sommi sacerdoti di arrestare tutti quelli che invocano il tuo nome». 15Ma il Signore disse: «Và, perché egli è per me uno strumento eletto per portare il mio nome dinanzi ai popoli, ai re e ai figli di Israele; 16e io gli mostrerò quanto dovrà soffrire per il mio nome». 
7[…] caddi a terra e sentii una voce che mi diceva: Saulo, Saulo, perché mi perseguiti? 8Risposi: Chi sei, o Signore? Mi disse: Io sono Gesù il Nazareno, che tu perseguiti. 9Quelli che erano con me videro la luce, ma non udirono colui che mi parlava. 10Io dissi allora: Che devo fare, Signore? E il Signore mi disse: Alzati e prosegui verso Damasco; là sarai informato di tutto ciò che è stabilito che tu faccia.
14Tutti cademmo a terra e io udii dal cielo una voce che mi diceva in ebraico: Saulo, Saulo, perché mi perseguiti? Duro è per te ricalcitrare contro il pungolo. 15E io dissi: Chi sei, o Signore? E il Signore rispose: Io sono Gesù, che tu perseguiti. 16Su, alzati e rimettiti in piedi; ti sono apparso infatti per costituirti ministro e testimone di quelle cose che hai visto e di quelle per cui ti apparirò ancora. 

Is 49,1-6
1Ascoltatemi, o isole,
udite attentamente, nazioni lontane;
il Signore dal seno materno mi ha chiamato,
fino dal grembo di mia madre ha pronunziato il mio nome.
2Ha reso la mia bocca come spada affilata,
mi ha nascosto all'ombra della sua mano,
mi ha reso freccia appuntita,
mi ha riposto nella sua faretra.
3Mi ha detto: «Mio servo tu sei, Israele,
sul quale manifesterò la mia gloria».
4Io ho risposto: «Invano ho faticato,
per nulla e invano ho consumato le mie forze.
Ma, certo, il mio diritto è presso il Signore,
la mia ricompensa presso il mio Dio».
5Ora disse il Signore
che mi ha plasmato suo servo dal seno materno
per ricondurre a lui Giacobbe
e a lui riunire Israele,
- poiché ero stato stimato dal Signore
e Dio era stato la mia forza –
6mi disse: «E' troppo poco che tu sia mio servo
per restaurare le tribù di Giacobbe
e ricondurre i superstiti di Israele.
Ma io ti renderò luce delle nazioni
perché porti la mia salvezza
fino all'estremità della terra».

Atti 9,1-7
1Saulo frattanto, sempre fremente minaccia e strage contro i discepoli del Signore, si presentò al sommo sacerdote 2e gli chiese lettere per le sinagoghe di Damasco al fine di essere autorizzato a condurre in catene a Gerusalemme uomini e donne, seguaci della dottrina di Cristo, che avesse trovati. 3E avvenne che, mentre era in viaggio e stava per avvicinarsi a Damasco, all'improvviso lo avvolse una luce dal cielo 4e cadendo a terra udì una voce che gli diceva: «Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?». 5Rispose: «Chi sei, o Signore?». E la voce: «Io sono Gesù, che tu perseguiti! 6Orsù, alzati ed entra nella città e ti sarà detto ciò che devi fare». 7Gli uomini che facevano il cammino con lui si erano fermati ammutoliti, sentendo la voce ma non vedendo nessuno.