Scuola di preghiera

LUMEN CHRISTI A 91

PREGHIERA E VITA

     Qual è il posto della preghiera nella nostra vita? Ne è soltanto una parte, più o meno importante, o l'accompagna sempre? In realtà, la preghiera è necessaria per dare alla nostra vita il suo senso cristiano.

Lc 6,12-13: prima di scegliere gli apostoli Gesù passa tutta la notte in preghiera.
Lc 10,17-22: la missione apostolica degli apostoli è, per Gesù, l'occasione di lodare il Padre. Mentre gli apostoli pensano soltanto al loro successo personale, Gesù li invita a guardare verso la vita eterna e il suo sguardo si rivolge immediatamente verso il Padre: solo nel Padre e nel suo disegno di salvezza  troviamo il senso vero della nostra vita.

1 - PREGHIERA E VITA DI FEDE

     Conosciamo il senso spirituale della vita attraverso la fede. Tale fede però non presenta soltanto un aspetto oggettivo (il contenuto del messaggio di fede) ma anche un aspetto soggettivo: essa è luce per noi e per la nostra vita.

Eb 11,1-6: la fede richiede uno sforzo continuo per superare tutte le apparenze. Siamo sempre tentati di vivere secondo le apparenze e quindi in modo superficiale.
     La meditazione della parola di Dio, invece, è una continua riattivazione della luce della fede mediante la quale si illuminano per me i diversi aspetti del Mistero.

     Prima funzione della preghiera meditativa è quindi di personalizzare la vita della fede:

  1. tale meditazione mi fa percepire meglio le vere motivazioni della mia vita messa in relazione col messaggio evangelico;
  2. mi porta ad una concezione autentica della vita umana e del mondo;
  3. trasforma a poco a poco la mia coscienza: affettività, reazioni esteriori.
  4.  

2 - PREGHIERA E IMPEGNO NEL MONDO

     Necessariamente, la mia vita di fede riguarda il mio impegno verso gli altri, la mia vita sociale, il mio posto nel mondo.

     La vita cristiana richiede imperativamente che tutta la disposizione della mia vita sia messa in relazione con il Regno di Dio.

Mt 6,5-13: la preghiera non può avere un effetto meccanico come se le parole avessero una loro efficacia, ma richiede una interiorizzazione e una personalizzazione.
     La linea direttrice di tutta la nostra vita non può essere altro che l'insaturazione del Regno di Dio.

  1. nella mia vita (Mt 6,33-34);
  2. nel mondo.

     La preghiera ha quindi come prima funzione di controllare se la mia vita è vita secondo Dio e per Dio.
     Essa accompagna normalmente, tutte le decisioni importanti della mia vita affinché tale decisione sia presa davanti a Dio e proceda non dal mio egoismo ma dall'amore.

 

Lc 6,12-13

        2In quei giorni Gesù se ne andò sulla montagna a pregare e passò la notte in orazione.13Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede il nome di apostoli. 

Lc 10,17-22

17I settantadue tornarono pieni di gioia dicendo: «Signore, anche i demoni si sottomettono a noi nel tuo nome». 18Egli disse: «Io vedevo satana cadere dal cielo come la folgore. 19Ecco, io vi ho dato il potere di camminare sopra i serpenti e gli scorpioni e sopra ogni potenza del nemico; nulla vi potrà danneggiare. 20Non rallegratevi però perché i demòni si sottomettono a voi; rallegratevi piuttosto che i vostri nomi sono scritti nei cieli».
21In quello stesso istante Gesù esultò nello Spirito Santo e disse: «Io ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, che hai nascosto queste cose ai dotti e ai sapienti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, Padre, perché così a te è piaciuto. 22Ogni cosa mi è stata affidata dal Padre mio e nessuno sa chi è il Figlio se non il Padre, né chi è il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare».

Eb 11,1-6

1La fede è fondamento delle cose che si sperano e prova di quelle che non si vedono. 2Per mezzo di questa fede gli antichi ricevettero buona testimonianza.
3Per fede noi sappiamo che i mondi furono formati dalla parola di Dio, sì che da cose non visibili ha preso origine quello che si vede.
4Per fede Abele offrì a Dio un sacrificio migliore di quello di Caino e in base ad essa fu dichiarato giusto, attestando Dio stesso di gradire i suoi doni; per essa, benché morto, parla ancora.
5Per fede Enoch fu trasportato via, in modo da non vedere la morte; e non lo si trovò più, perché Dio lo aveva portato via. Prima infatti di essere trasportato via, ricevette la testimonianza di essere stato gradito a Dio. 6Senza la fede però è impossibile essergli graditi; chi infatti s'accosta a Dio deve credere che egli esiste e che egli ricompensa coloro che lo cercano.

Mt 6,5-13

5Quando pregate, non siate simili agli ipocriti che amano pregare stando ritti nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, per essere visti dagli uomini. In verità vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. 6Tu invece, quando preghi, entra nella tua camera e, chiusa la porta, prega il Padre tuo nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
7Pregando poi, non sprecate parole come i pagani, i quali credono di venire ascoltati a forza di parole. 8Non siate dunque come loro, perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno ancor prima che gliele chiediate. 9Voi dunque pregate così:
Padre nostro che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome;
10venga il tuo regno;
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.
11Dacci oggi il nostro pane quotidiano,
12e rimetti a noi i nostri debiti
come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
13e non ci indurre in tentazione,
ma liberaci dal male.

Mt 6,33-34

        33Cercate prima il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta. 34Non affannatevi dunque per il domani, perché il domani avrà già le sue inquietudini. A ciascun giorno basta la sua pena.

passi scritturistici